L’appropriatezza prescrittiva in medicina

L’appropriatezza prescrittiva in medicina, orientata alla qualità delle cure e al buon uso delle risorse, implica problemi organizzativi e di efficacia della formazione in termini di cambiamenti nella performance clinica e di efficacia sulla salute della popolazione. Parte rilevante della inappropriatezza prescrittiva può avere sicuramente origine da conoscenze insufficienti, inadeguate o “parziali”. D’altro canto la formazione che privilegia la trasmissione di sole cognizioni, per quanto scientificamente corrette, non riesce a produrre reali cambiamenti di sistema, perché poco attenta al coinvolgimento, alla motivazione e alla valutazione dei vari contesti  in cui operano professionisti di diverse discipline. Ogni evento formativo dovrebbe essere inoltre inserito in un piano più ampio, risultante dalla successione e integrazione di eventi formativi  coordinati volti al miglioramento della qualità della medicina e delle cure e con un impatto maggiore sui comportamenti clinico-professionali e sull’integrazione positiva di tutti coloro che sono coinvolti nei processi di cura.

In quest’ottica la Dr.ssa Polenzani segnala due eventi formativi rivolti ai MMG ed aperti, con entusiasmo e disponibilità al confronto, a specialisti ambulatoriali ed ospedalieri.

1° incontro(sabato 31 ottobre, ripetuto  sabato 07 novembre)

Gestione del paziente  con BPCO : dalla corretta stadiazione all’uso dei nuovi farmaci inalatori

Appropriata prescrizione dei farmaci inibitori della pompa protonica

Docenti C.Ceccarelli,D.Coletta, P.Goti . AdF S.Giovannoni, L.Polenzani, M.Ruggeri

Sala delle Vele ,Palazzo degli Spedalinghi . p:zza Ospedale

2°incontro (sabato 21 novembre, ripetuto sabato 28 novembre)

La gestione farmacologica  del diabete tipo 2

Docente M.Calabrese, C.CeccarelliAdF S.Giovannoni, L.Polenzani, M.Ruggeri

Sala Magnolfi, Palazzina dei Servizi – NOP

Resoconto di convegno

Sabato 24 ottobre 2015, presso il suggestivo scenario delle Scuderie Medicee di Poggio a Caiano, si è tenuto il convegno “Il percorso formativo individuale dei medici: ruolo e compiti del CO.GE.A.P.S.”. Il Consorzio per la Gestione dell’Anagrafe delle Professioni Sanitarie è l’organismo che riunisce le Federazioni nazionali degli Ordini e dei Collegi e le Associazioni dei professionisti della salute che partecipano al programma di Educazione Continua in Medicina. Questo Ente, purtroppo poco conosciuto nell’ambiente sanitario, si occupa invece di uno degli aspetti più importanti della formazione del professionista medico: la valutazione e la successiva certificazione della sua esperienza formativa.

Al Convegno hanno partecipato i tre migliori esperti, nazionali e locali, che si occupano dell’obbligo educativo e formativo di tutti i professionisti sanitari: il dott. Sergio Bovenga, Presidente del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie, ha aperto il Convegno illustrando il sistema dei crediti ECM in Italia; la dott.ssa Lucia Livatino, Coordinatrice staff Formazione, Sviluppo e promozione della salute della ASL 4, ha invece spiegato i compiti del provider pubblico nel sistema di registrazione dei crediti ECM; il dott. Matteo Cestari, Responsabile tecnico del progetto Co.Ge.A.P.S., ha infine parlato delle esenzioni e degli esoneri previsti nel sistema dei crediti, concludendo con un breve cenno al Dossier Formativo come strumento di programmazione della propria educazione professionale.

Numerose le domande fatte dai colleghi presenti, che hanno riguardato soprattutto gli aspetti pratici e le criticità dell’attuale sistema dei crediti formativi, ottenendo le risposte più esaurienti  possibili dai vari relatori. Il successo dell’iniziativa, sia per il numero elevato di partecipanti che per le problematiche sollevate, alle quali si è cercato di dare risposte concrete, ha successivamente generato la richiesta, da parte di numerosi colleghi che non hanno potuto partecipare all’iniziativa, di replicare i temi del Convegno in un incontro successivo programmato dall’Ordine, che verrà organizzato prima possibile. Un particolare ringraziamento al Consiglio Direttivo dell’Ordine, nella figura del suo Presidente, alla Commissione Cultura dell’Ordine, ai relatori, all’Ufficio Formazione della ASL 4  e al personale sia dell’Ordine sia della ASL 4, nonché ai tanti colleghi presenti  per l’ottima riuscita del Convegno, con piena soddisfazione di tutti.